Una pianta per amica


3 min letti

Circondarsi e vivere con le piante senza disporre né di un giardino proprio o di un terrazzo può essere in parte una limitazione ma non impossibile da superare. 

Fare giardinaggio all'interno della nostra casa può essere non solo un modo per rimanere a contatto con la natura ma un sistema valido ed efficace per ritrovare tranquillità e serenità interiore e per rendere la  nostra abitazione più salubre.

Naturalmente riempire le stanze di casa di piante senza alcun criterio non è il modo più giusto di procedere. Sono esseri viventi come noi e quindi la prima cosa che dobbiamo chiederci cosa dobbiamo fare per renderle felici e poterle  tenere accanto il più possibile.

Prima cosa quindi è quella di informarci sui loro bisogni non solo vitali ma chiedersi se il tipo di spazio,  locale, abitazione entro cui saranno collocate andrà bene.

Sembra complicato ma con la pratica, l'informazione e soprattutto con le attenzioni giuste potremo ottenere ottimi risultati. Sì perché anche chi le accudisce per le piante è una variabile importante. Sono in grado di sentire come ci predisponiamo nei loro confronti. Non amano le attenzioni "soffocanti", troppo non va bene, ma nemmeno la disattenzione più totale.

Mentre all'interno  delle serre risulta più facile alterare le condizioni ambientali  in fatto di luce, temperatura, acqua, umidità del terreno, aria, nutrimento nei nostri appartamenti è più complicato ma non una scusa per rinunciare ad un angolo verde.

Poiché le stanze di un appartamento non sono né riscaldate,  né illuminate allo stesso modo e inoltre l'umidità varia facilmente, la scelta delle piante dovrà essere effettuata in maniera  diversificata. Sappiamo, per esempio, che le finestre esposte a nord-ovest ricevono la luce in quantità inferiore rispetto a quelle che si trovano  a sud-ovest. 

Se l'esposizione sarà più intensa durante tutto l'anno si potranno scegliere piante più interessanti per la policromia del fogliame come le Cordilyne  che appartengono alla stessa famiglia delle dracene anche se quest'ultime richiedono livelli più bassi di luce. 

Generalizzando al massimo possiamo dire che le piante d'appartamento si distinguono in piante da fiore e quelle con fogliame decorativo che in genere è la tipologia più scelta.

Le piante con foglia decorativa possono presentare fogliame verde o fogliame variegato.


Al momento di scegliere in genere l'occhio viene attratto dalle proprietà più vistose: il colore delle foglie. Questa caratteristica però per conservarsi ha  esigenze di umidità, luce e temperatura difficilmente ottenibili in un appartamento.

Pensiamo al Croton, alla Marantha, alle Cordyline sono piante molto decorative ma per poco se non trovano le condizioni ambientali giuste.

 Croton


Marantha


Cordyline

Ecco perché il più delle volte conviene, soprattutto se si è alle prime armi, orientarsi verso specie meno vistose ma che sicuramente ci regaleranno più soddisfazione come la

Begonia rex 


Tradescantia variegata


la Peperonia


il Clorophitum


Il Coleus generalmente utilizzato per la decorazione delle aiuole ma che cresce bene anche in casa  e permette di creare festosi vasi grazie al fogliame incredibilmente colorato di rosso, giallo. rosa, verde, porpora.

Le piante a foglia verde sono invece le meno esigenti e sicuramente le più resistenti. Fra queste vi sono le felci (capelvenere) e le Kentie.