Tappeti come quadri


7 min letti
19 Nov
19Nov

I tappeti sono gli elementi d'arredo più diversificati in termini di prezzo. Dall'allegro ed economico tappeto in cotone o materiale rigenerato al pregiatissimo ed elegante in seta, lana o cotone. Tutti  aiutano a completare l'arredamento di un stanza portando una nota di colore.

Ciò che ogni tappeto offre è una combinazione di fascino decorativo e confort. Donano calore, fonoassorbenza e morbidezza e si possono sostituire in qualunque momento, avvolgere e riporre o spostare da una stanza all'altra.

Un  tappeto può servire a definire un'area, dare un accento di colore o di disegno ad uno spazio neutro o movimentare un pavimento privo di carattere.

Riassumere in poche righe la storia del tappeto sarebbe impossibile. Vi sono validissime pubblicazioni che trattano dell'argomento fornendo tutte le informazioni possibili oltre a farcene conoscere la storia. Troverete qualche titolo nello spazio dedicato ai libri. 

Per il momento vorrei fare solo un piccolo riassunto evidenziando le tipologie più conosciute  e le caratteristiche che li differenziano gli  uni dagli altri.  

  1. TAPPETI PERSIANI hanno pelo fitto in lana o seta, sono annodati a mano i più preziosi e utilizzano il nodo persiano o tessuti a macchina i meno costosi. Il disegno è quello che caratterizza e distingue un tipo di tappeto da un altro. In questo caso troviamo l'albero della vita, il giardino del paradiso, archi di preghiera. Tra i motivi più usati il gul, un fiore stilizzato e il boteh una foglia stilizzata. Migliorano con il tempo e durano secoli.

2. TAPPETI CINESI sono tappeti spessi annodati in lana o seta dai colori               tenui. Riportano motivi cinesi stilizzati e ben spaziati.

3. TAPPETI TIBETANI  o NEPALESI sono annodati  a mano in lana e hanno           disegni di tigri e altri animali e forme geometriche.

4. TAPPETI TURCHI sono in lana fatti a mano o a macchina nel vicino e                 Medio  Oriente, soprattutto in Anatolia. Utilizzano il nodo Ghiordes e                   disegni   con motivi naturali stilizzati.

5. TAPPETI TURCOMANNI /BUKHARA sono in lana prodotti in Asia centrale  e dai colori scuri.

6. TAPPETI CAUCASICI sono con peli annodato  o lisci prodotti nel Caucaso.         Hanno colori brillanti e disegni semplici.

7. KILIM  sono tappeti lisci in lana grossa tessuti dai popoli nomadi                       dell'Afghanistan, Turchia e Nord Africa. Hanno spesso disegni geometrici in      rosso acceso, crema, blu e nero. Sono meno resistenti dei tappeti annodati,      molto economici e reversibili.

8. DHURRY sono tappeti lisci in cotone. Prodotti in India spesso con semplici       motivi geometrici. Sono molto economici e reversibili a volte anche lavabili       in lavatrice.

9. SERAPE sono tappeti lisci e sottili prodotti in Messico e nel Sud Ovest degli      Stati Uniti con colori vivaci e disegni geometrici.

10. NUMDAH sono tappeti in feltro ricamati che arrivano dal Kashmir, sono             morbidi ed economici.

11. FLOKATI tappeti greci a pelo lungo in lana bianca naturale e avorio.

12. TAPPETI ARTIGIANALI sono tappeti fatti a mano ricamati, pezzotti, a                 uncinetto e intrecciati e passatoie scandinave.

13. TAPPETI MODERNI hanno varie dimensioni, densità di filato e prezzi. Tra i         modelli più pregiati vi sono le edizioni limitate di designer e artisti tessili           famosi. 

QUALCHE CONSIGLIO

  • valutare bene il punto della casa dove sarà collocato il tappeto e se è una zona di passaggio meglio scegliere una tessitura grezza e resistente;
  • per verificare   la compattezza di un tappeto inserire nel filato un'unghia  e tirare verso il basso;
  • se  il tappeto viene posato su un pavimento duro occorre dotarlo di una rete antiscivolo che aumenterà morbidezza e resistenza;
  • i tappeti non sono destinati ad essere posati solo sul pavimento ma possono essere utilizzati come elementi decorativi appesi a parete come quadri;
  • meglio pulirli a mano perché l'uso sistematico dell'aspirapolvere tende a consumare il pelo e a rovinare la superficie ed i colori;
  • evitare se è possibile il lavaggio in lavatrice  e, volendo possiamo ricorrere ad un lavaggio a secco. Una ricetta casalinga di pulizia senza acqua potrebbe essere questa: mescolare in un vaso di vetro 250 g di bicarbonato di sodio e 125 g di borace, aggiungere  6 gocce di olio essenziale di lavanda, 6 di albero del tè e 6  di menta piperita. Spargere questa polvere sul tappeto e lasciare agire per 15/20 minuti e poi aspirare bene;                                                                                                                           
  • una  ricetta per smacchiare il tappeto dopo aver tamponato bene la macchia con della carta assorbente: in 500 ml di acqua tiepida aggiungere 60g di bicarbonato di sodio e 500ml di aceto bianco. Versare il prodotto in un vaporizzatore e passare bene sulla macchia. Lasciare agire  per 5/10 minuti. Tamponare con un panno umido e poi asciugare con della carta assorbente.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   
Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.