Molto più di una semplice testiera!


4 min letti
17 Feb
17Feb

In legno naturale o intarsiato, imbottita, in pelle, in fibra naturale o upcycling   la testiera ha sempre incorniciato i nostri letti dando loro un aspetto più rifinito e divenendo qualche volta il punto più importante della camera da letto. La parte più decorativa della stanza al quale appoggiare i nostri soffici cuscini. La testiera però può assumere anche altre valenze funzionali divenendo attrezzata cioè dotata di tutta una serie di piccoli complementi che pur senza toglierne il fascino consentono di sfruttare al meglio lo spazio accanto al letto.

L'esempio che segue è formato da listoni rivestiti di tessuto colorato i cui giunti sono stati utilizzati per inserire dei piccoli ripiani utili per appoggiare tutto ciò si desidera avere a portata di mano. 

Più essenziale nella struttura ma con un'idea funzionale molto simile  al modello precedente è questa proposta da Ikea. I listelli in legno che la costituiscono sono utilizzati per agganciare dei ripiani in legno laccato di bianco e permettendo una loro composizione libera. Come nell'esempio precedente la testiera si presenta più alta  rispetto alle solite che conosciamo e che si aggirano generalmente attorno ai 90 cm circa dal pavimento.

La testiera proposta da Molteni è una boiserie che completa la struttura del letto. E'  in legno, retroilluminata  e predisposta per agganciare dei ripiani. (Molteni) 

La testiera può diventare anche un contenitore come in questo modello che è realizzata in legno. All' interno scorrono orizzontalmente dei ripiani, che si può scegliere di lasciare a vista, come nella fotografia, o far rientrare all'interno  della struttura. 

Anche nel modello che segue, più imponente e sofisticato, la testiera è rivestita in pelle e funge anche da contenitore (Carotti)

Nel modello qui sopra testiera e letto formano un'unica struttura rivestita in tessuto. Notiamo dei piccoli ripiani in vetro sabbiato e cassetti in legno. Il risultato d'insieme fa pensare ad un'isola calda e protettiva, una piccola alcova. (Kappa Salotti)

Funzionale, essenziale  ed elegante. La testiera che segue  è rivestita in tessuto mentre i sostegni laterali  in legno sono stati dotati di due piccoli ripiani  mobili  in ottone. (Bolzan Letti)

Vorrei finire con un progetto firmato da Patricia Urquiola e prodotto da Cassina, BIO-MBO.

"Pensato come un piccolo paradiso all’interno della zona notte, il letto Bio-mbo reinventa il concetto di intimità grazie alla sua distintiva e comoda testiera imbottita con trapuntatura orizzontale e alle due alette laterali mobili arricchite da tasche portaoggetti con maniglie in pelle, che creano un abitacolo in cui rifugiarsi. Grazie al lavoro svolto da Cassina LAB, il letto è dotato di funzioni di benessere per la purificazione dell’aria a emissioni zero e per l’assorbimento dei rumori, in grado di facilitare un corretto riposo. La prima è ottenuta grazie all’utilizzo del tessuto the Breath®, una tecnologia brevettata che lavora senza fonti energetiche catturando e disaggregando le particelle inquinanti; la seconda grazie all’inserimento di una pannellatura in Soundfil®, un isolante termico igienico, atossico, ecologico e riciclabile, in grado di contenere il riverbero delle frequenze sonore. Il modello Bio-mbo si adatta a ogni tipo di ambiente: la testiera, alta o bassa, è disponibile anche con trapuntatura esterna (per una collocazione al centro della stanza) o senza trapuntatura né tasche portaoggetti, e senza alette laterali, per un totale di otto varianti. Completano il letto una lampada opzionale, un comodino Bio-mbo con la struttura laterale in lamiera curvata e un’unica gamba portante, e il contenitore Rondos in due dimensioni." (dal catalogo Cassina)













 

Commenti
* L'indirizzo e-mail non verrà pubblicato sul sito Web.